Sagra della Badessa -Annullata edizione 2020

Quando: dal 29/06/2019 al 30/06/2019

Dove: via Repubblica - Ozzano dell'Emilia (c/o Municipio)

Contatti: info@prolocozzano.it; cell. 345/4590599

Annullata Sagra della Badessa 2020

La Sagra della Badessa è giunta ormai alla sua 34ma edizione e ripropone un calendario ricco di eventi, spettacoli, mostre, antichi mestieri e figuranti medievali. A questi si affiancheranno stand gastronomici, dimostrazioni di stamperia, carteria e falconeria e combattimenti con spade, sbandieratori. 

Consulta il programma per maggiori informazioni

Segui la Sagra sulla pagina Facebook

 

BADESSA: storia e dintorni

Tra i tanti calanchi di cui è punteggiato il nostro paesaggio collinare ce n’è uno che ancora oggi è percorribile lungo il suo crinale: quello detto “della Badessa”.

Intorno a questo tormentato percorso è fiorita la gentile leggenda della Beata Lucia da Settefonti (anticamente Stifonti). Siamo attorno al 1100 e Bologna, dopo circa tre secoli di dipendenza da Ravenna, si è costituita in Libero Comune, ma la vita cittadina è continuamente turbata dalle lotte tra Guelfi e Ghibellini. Questa leggenda rappresenta quindi per gli ozzanesi un punto di riferimento e di riconoscimento collettivo che dà luogo, ogni anno nel mese di maggio, alla manifestazione più rilevante. Intorno ad essa, ruota tutta la polazione, tra figuranti, antichi mestieri, cuochi negli stand gastronomici (imperdibile la cena mediavale), le disfide dei "Terzieri" (ossia le tre zone di Ozzano: i Blu della collina, i Verdi della pianura e i Rossi della via Emilia), artisti locali, produttori enogastronomici e molto altro. Venire alla Sagra vuol dire ripercorrere questi fatti leggendari e immergersi in un'autentica atmosfera medievale.

EG

About history of Badessa

Among the many calanchi of which is dotted our hills there is one that is still viable along its crest: one called "della Badessa".

Around this troubled path he has flourished the kind legend of the Blessed Lucia of Settefonti (formerly Stifonti). We are around 1100 and Bologna, after about three centuries of dependence on Ravenna, was formed in Free Commune, but the city life is constantly disturbed by the struggles between Guelphs and Ghibellines. This legend is so for Ozzano's people a landmark and collective recognition giving rise each year in May, to the most significant event. Around it, rotates the entire population, including participants, ancient crafts, cooks in the food stands (missed the mediaval dinner), the duels of the "Terzieri" (ie the three areas of Ozzano: i "Blu della collina", i "Verdi della pianura" e i "Rossi della via Emilia"), local artists, wine and food producers, and more. Come to the festival means to retrace these legendary facts and immerse themselves in an authentic medieval atmosphere.