Osteria la Bianchina

Osteria la Bianchina

Piatti della cucina bolognese, conduzione familiare, cordialità e concretezza sono i punti di forza di questa antica trattoria, le cui tracce risalgono al 1517. Qui si cita, per la prima volta l' Osteria, che appartenne prima ai Bernardi poi ai conti Grati, i quali fecero edificare, nei pressi, un oratorio gentilizio e una conserva, ancora oggi visibile.

Questa località è, infatti, ricca di storia: posta poco prima di Mercatale, si trova lungo la via Idice e per la sua posizione fino agli anni '50 ha ospitato un'antica Fiera di merci e bestiame (Fiera della Bianchina) che si teneva nel mese di luglio

Da qui si diparte un sentiero piuttosto accidentato (lungo cira 2 km) che termina, curiosamente, presso un'altra Osteria, quella detta La Palazzina, a Ciagnano. Il tracciato che oggi mantiene solo valenze escursionistiche, aveva, invece, una grande rilevanza fino al dopoguerra, essendo l'unica via di comunicazione rapida tra la valle dell'Idice e i borghi di Ciagnano e Settefonti.

EG

Bolognese cuisine's dishes, family, friendliness and practicality are the strengths of this ancient trattoria, traces of which date back to 1517 when the homonym Osteria is cited, which first belonged to Bernardi then to the accounts Grati, that built, near, a noble oratory and a preserve, still visible today.

This locality is, in fact, rich in history: mail shortly before Mercatale, is located along the Via Idice and for its location until the 50s hosted an ancient Fair of goods and livestock (Fiera dellaBianchina) that was held in the month of July.

From here starts a bumpy trail (about 2 km long) ending, curiously, at another Osteria, one called La Palazzina, in Ciagnano. The track that now only keeps hiking valences, had, however, a great importance until the post-war period, being the only rapid communication route between the Idice valley and the villages of Ciagnano and Settefonti.